La Fondazione Missio è nata nel 2005 come “organismo pastorale costituito dalla Conferenza Episcopale Italiana al fine di sostenere e promuovere, anche in collaborazione con altri enti e organismi, la dimensione missionaria della comunità ecclesiale italiana, con particolare attenzione alla missio ad gentes e alle iniziative di animazione, formazione e cooperazione tra le Chiese” (Statuto, art. 2).

Missio rappresenta l’eredità del lungo cammino di sensibilità missionaria delle nostre comunità, che ha sempre trovato nelle Chiese locali, negli Istituti religiosi, nel laicato, nelle associazioni e specialmente nella storia di santità di tanti missionari e missionarie sul campo, una preziosa e concreta risposta alla vocazione “cattolica” del Vangelo.

A livello nazionale la Fondazione raccoglie l’esperienza di organismi sorti a servizio della missione in tempi e modalità differenti, chiamati ora a un’azione unitaria:
1) la Direzione nazionale delle Pontificie Opere Missionarie;
2) l’Ufficio Nazionale per la cooperazione missionaria tra le Chiese;
3) il Centro Unitario per la cooperazione missionaria tra le Chiese;
Tali organismi agiscono unitariamente nell’ambito di Missio per promuovere le tre dimensioni principali dell'azione missionaria della Chiesa: animazione, cooperazione e formazione.

Organo di Missio è il Consiglio Missionario Nazionale, luogo naturale di comunione tra tutti i soggetti che esprimono le diverse forme dell'impegno missionario della Chiesa italiana: Centri missionari diocesani, Commissioni missionarie regionali, Istituti missionari, Istituti religiosi “aventi missioni”, laici missionari, volontari internazionali di ispirazione cristiana, organismi e associazioni cattoliche e altri soggetti pastorali (Caritas, Migrantes...)

Presidente della Fondazione Missio è il Presidente della Commissione Episcopale per l’evangelizzazione dei popoli e la cooperazione tra le Chiese, che segue e accompagna il cammino di Missio in spirito di fraterna cordialità.