Istruzione della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli sulla cooperazione missionaria

 

 

Cooperatio Missionalis

 

 

Introduzione

 

 

Al fine di rispondere sempre più adeguatamente al mandato del Sommo Pontefice di dirigere e coordinare il lavoro di evangelizzazione e di cooperazione missionaria in tutto il mondo, la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli compie ogni sforzo “per garantire che il popolo di Dio, pieno di lo spirito missionario e consapevole della propria responsabilità, collabora efficacemente con l’attività missionaria attraverso la preghiera, attraverso la testimonianza di vita, attraverso l’attività, e attraverso il sostegno finanziario “[1].

 

 

Vedendo che il Concilio Vaticano II ha così fortemente sottolineato la responsabilità del Romano Pontefice, del Collegio dei Vescovi, e dei singoli Vescovi a proclamare il Vangelo, [2], la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli ha ritenuto necessario fare uno studio del ragioni dottrinali e, soprattutto, l’applicazione apostolica del grande tema della cooperazione missionaria, in quanto la responsabilità comune e l’impegno della Santa Sede e delle Chiese particolari. Questa è stata effettuata nella Congregazione plenaria del 25-28 giugno 1968, il cui frutto è stato l’Istruzione Quo Aptius, approvata da Papa Paolo VI [3].

 

 

Dopo la spinta nuova data dal Codice di Diritto Canonico [4] e il Papa Giovanni Paolo II, Lettera enciclica Redemptoris missio, [5] Congregazione affrontato lo stesso tema in del 1995 plenaria Congregazione, dal 25 al 28 aprile, e da essa emerse alcune prezioso e concreto “proposte conclusive”.

 

Poi di nuovo il tema è stato riesaminato, sotto il profilo della responsabilità comune, in una riunione speciale svoltasi a Roma dal 29 aprile al 1 maggio 1996, con la partecipazione di un certo numero di presidenti vescovo della “Commissioni Episcopali per le Missioni” e Nazionale Amministrazione delle Pontificie Opere Missionarie (POM), scelti in base al criterio della rappresentanza di tutta la Chiesa.

 

 

I contributi di entrambi gli Congregazione plenaria del 1995 e del Meeting del 1996 hanno costituito un punto di partenza per la revisione del Quo Istruzione Aptius, ancora sostanzialmente validi, but ha bisogno di uno revisione globale.

 

Quindi, con la presente Istruzione, la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli ha questo triplice obiettivo:

 

 

1. Per riaffermare i principi dottrinali che sono alla base della cooperazione missionaria.

 

2. Per fornire orientamenti in materia di cooperazione missionaria, con particolare riferimento al PMS, e in particolare sui rapporti tra la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e le Conferenze Episcopali.

 

3. Per incoraggiare e specificare il modo di realizzare alcune iniziative in cooperazione missionaria nelle diocesi dei territori di diritto comune a vantaggio delle Chiese giovani.

 

Un certo numero di Vescovi, membri delle Commissioni Episcopali per le Missioni “e vari Direttori Nazionali delle POM ha contribuito a questo progetto presente Istruzione che contiene il materiale completamente rivisto del Quo Istruzione Aptius.

 

La Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli si augura che i frutti di questo lavoro comune di revisione può contribuire a dare un nuovo slancio alla cooperazione missionaria, questo è indispensabile in modo che la missione ad gentes della Chiesa può promuovere una “nuova primavera del Vangelo” [6], così come voluto dal Sommo Pontefice Giovanni Paolo II.

 

 

I principi dottrinali

 

 

1. La fondazione e lo sviluppo in corso della missione ‘ad gentes’

 

“La Chiesa pellegrinante è missionaria per sua stessa natura” [7]. Ha ricevuto il mandato di portare avanti il piano universale di salvezza che scaturisce, da tutta l’eternità, dalla “fonte d’amore”, cioè dalla carità di Dio Padre. Lei si presenta al mondo come la continuazione del mistero e della missione di Cristo, unico Redentore e primo missionario del Padre, e lei è un “sacramento universale di salvezza” [8]. Ella si raccoglie in unità di tutto il mondo dalla Spirito Santo, il protagonista della missione, dal quale riceve luce e di energia per proclamare la verità su Cristo e il Padre che ha rivelato. La missione della Chiesa, perciò, è essenzialmente “carattere trinitario”.

 

La Chiesa è profondamente convinta della propria identità e missione, e vive questa esperienza attraverso l’impegno dei suoi figli e figlie.

 

Il comando dato dal Signore risorto agli Apostoli: “Andate e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole” (Mt 28,19) risuona quest’oggi con tutta la sua forza e valore. La Chiesa non può e non potrà trascurare questa responsabilità, convinta com’è che tutti gli uomini e le donne hanno il diritto di incontrare Cristo Redentore attraverso il suo ministero. La missione ad gentes, che si caratterizza come opera di annunzio del Cristo e del suo Vangelo, l’edificazione della Chiesa locale, e la promozione dei valori del Regno, [9], è quindi valida, vitale e up-to-date. In effetti, guardando le e socio-religioso realtà demografica del mondo, può essere considerata solo all’inizio. [10] Alle soglie del terzo millennio, il missionario compito Chiesa, non è affatto in estinzione, ha mai orizzonti più vasti [11].

 

La Chiesa universale, tutte le Chiese particolari, ogni istituzione ecclesiale e di associazione, e ogni singolo membro della Chiesa ha il dovere di diffondere il messaggio del Signore fino ai confini della terra (cfr At 1,8) in modo che il corpo mistico può raggiungere la pienezza della maturità in Cristo (cfr Ef 4,13). Sempre attuale sono le parole degli Apostoli, che la Chiesa continua a ripetere con convinzione: “Non possiamo promettere di smettere di annunciare quello che abbiamo visto e ascoltato”. (At 4,20) [12].

 

 

2. La cooperazione missionaria coinvolge tutti i cristiani

 

“Come il Padre ha mandato me così anch’io mando voi” (Gv 20,21). Questo annuncio di Gesù è vincolante ed esprime nel miglior modo possibile l’unità e la continuità della missione. In effetti, la “missio ecclesiae” ha la sua origine in “missio Dei”.

 

Tutta la Chiesa è chiamata ad impegno in attività missionaria attraverso la cooperazione attiva. Ogni cristiano, in forza del Battesimo e della Confermazione, entra nel flusso di attività soprannaturale, in un eterno disegno di salvezza universale, questo è il proprio piano di Dio, che si compie giorno dopo giorno per il bene delle generazioni successive che vengono a formare il grande famiglia umana.

 

La partecipazione delle comunità ecclesiali e singoli credenti nel compimento di questo piano divino è chiamato “cooperazione missionaria” e può essere effettuata in diverse forme: la preghiera, la testimonianza, il sacrificio, offerta del proprio lavoro e di aiuto. La cooperazione è il primo frutto di animazione missionaria, intesa come spirito e la vitalità che si apre singoli credenti, istituzioni e comunità per una responsabilità universale, formare una coscienza missionaria e di mentalità indirizzato ad gentes. Ogni iniziativa di animazione missionaria, dunque, è sempre diretta verso il suo obiettivo: formare il popolo di Dio per la “universale specifica missione”, per promuovere numerose, autentiche vocazioni missionarie, e incoraggiare tutte le forme di cooperazione nel lavoro di evangelizzazione [13].

 

La cooperazione, che è indispensabile per l’evangelizzazione del mondo, è un dovere e un diritto di tutti i cristiani battezzati [14]. Radicata E ‘nel loro identità come membri del Corpo mistico e si concretano in forme diverse ea vari livelli di responsabilità coinvolgimento e di lavoro. “La cooperazione si radica e si vive, soprattutto, in unione personale con Cristo …. La santità di vita di ogni cristiano di essere fecondo nella missione della Chiesa” [15].

 

La cooperazione missionaria richiede un coordinamento adeguato per poter essere effettuata in uno spirito di comunione ecclesiale e in modo ordinato, e quindi efficacemente conseguire il suo scopo. Come partecipazione alla comunione stessa di Dio, Uno e Trino, esiste un rapporto di unità interiore e la comunicazione tra le Chiese particolari, tra ciascuno di questi e la Chiesa universale, e tra tutti i membri del Popolo di Dio. Questa comunione è vissuta in modo reciproco e, in concreto, in relazione a specifiche attività missionaria. Nessuno deve essere impedito di svolgere questo inter-scambio di carità ecclesiale e di dinamismo missionario. La qualità essenziale della comunione ecclesiale è in realtà la sua concretezza, in modo che coinvolge tutti e raggiunge la persona concreta nella sua vita contesto reale.

 

Anche oggi, dovremmo essere in grado di dire delle comunità cristiane, impegnate nella missione universale, che essi agiscano “con un cuore e con un’anima sola” (At 4,32).

 

 

3. Gli organismi di cooperazione missionaria

 

 

Dalla comunione spirituale nella Chiesa, nasce la necessità di una comunione visibile e organica, in modo che le diverse responsabilità e funzioni possono essere uniti e collegati tra loro [16]. Attingendo e positiva esperienza, la suprema autorità della Chiesa ha stabilito che vi sia un solo organo centrale diretta “e coordinare ‘le iniziative e le attività di cooperazione missionaria in tutto il mondo, vale a dire la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli [17].

 

La Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, che è l’organo centrale di dirigere e coordinare l’evangelizzazione e la cooperazione missionaria, in quanto agisce per mandato del Romano Pontefice e, in una sfera universale, promuove l’unità tra i responsabili per la cooperazione missionaria a vari livelli, e assicura che la loro attività è svolta in maniera ordinata, in modo che tutti “in piena unanimità le loro energie per l’edificazione della Chiesa” [18].

 

Le Chiese locali, sia a livello nazionale con i loro missionari commissioni proprie della Conferenza Episcopale, che a livello diocesano, hanno un ruolo simile nel proprio settore.

 

Molti organismi ecclesiali operare sotto il coordinamento e la direzione della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, con la cooperazione missionaria come obiettivo specifico, totale o in parte. Tali organismi sono l’espressione della forma-presenza multi dello Spirito che rafforza la Chiesa dall’interno, al fine di portare fuori l’evangelizzazione di tutta l’umanità. Tra questi organismi dobbiamo menzionare il vari istituti di vita consacrata, le società di apostolica la vita, le associazioni laicali, movimenti cristiani, gruppi di volontariato e altri. Sulla base delle loro costituzioni o statuti, lavorano efficacemente nel e varia vasto campo di cooperazione missionaria, con mezzi particolari e metodi, che hanno la loro strutture autonome e alla propria organizzazione.

 

 

Il ruolo di supporto e coordinamento da parte della Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli a livello universale, e dai Vescovi ‘Conferenze e dei singoli Vescovi a livello locale, contribuisce notevolmente alla unità di spirito e di azione degli enti che operano in cooperazione missionaria.

 

Per aumentare l’animazione e la cooperazione, la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli si basa in modo particolare sui quattro Pontificie Opere Missionarie [19].

 

 

LINEE GUIDA PRATICA

 

 

Il ruolo del PMS in Cooperazione Missionaria

 

 

4. Cooperazione Missionaria e le quattro PMS

 

 

Nell’ambito della cooperazione missionaria sono i PMS che hanno un ruolo primario e corretta. Queste società originati da iniziative carismatico iniziato da laici e sacerdoti, con l’intento di sostenere l’attività dei missionari, l’animazione e che coinvolgono direttamente sacerdoti, persone consacrate e laici nella preghiera, nell’offerta del sacrificio, nel promuovere le vocazioni, in beneficenza e di cemento attività.

 

Anche se va sottolineato che i PMS sono di origine carismatica, è anche necessario sottolineare che la Chiesa ha garantito la loro autenticità, li riconobbe e li hanno adottati come propri, attraverso l’intervento diretto dell’Ufficio petrino.

 

Ci sono quattro Pontificie Opere Missionarie:

 

La Missione Pontificia Opera della Propagazione della Fede, a promuovere l’interesse per l’evangelizzazione universale tra tutti i settori del popolo di Dio, e per promuovere aiuti spirituali e materiali tra le Chiese locali, così come lo scambio di personale apostolico.

 

La Pontificia Missione Società della Santa Infanzia, per aiutare gli insegnanti a risvegliare progressivamente coscienza missionaria tra i bambini, per incoraggiare i bambini a condividere la loro fede e di beni materiali con i bambini delle regioni più i bisognosi e le Chiese, e per promuovere le vocazioni missionarie fin dalla giovane età.

 

Le Pontificie Opere Missionarie della Società di San Pietro Apostolo, per aumentare la consapevolezza tra i cristiani l’importanza del clero locale nei territori di missione e li invitiamo a collaborare da parte di mezzi materiali e spirituali nella formazione dei candidati al sacerdozio e alla vita consacrata.

 

La Pontificia Unione Missionaria, per promuovere la coscienza missionaria e la formazione di sacerdoti, seminaristi, membri degli Istituti di vita consacrata e le Società di vita apostolica e loro candidati, così come missionari laici che partecipano direttamente all’attività missionaria universale. E ‘come l’anima delle altre società, dal momento che i suoi membri sono particolarmente orientate a promuovere uno spirito missionario nelle comunità cristiane e di promuovere una maggiore cooperazione.

 

Queste quattro società sono conosciute come Pontificia, perché sviluppato con il sostegno della Santa Sede, che, dopo aver fatto loro proprio, ha concesso loro un carattere universale. “Anche se sono le Società del Papa, essi appartengono a tutti i Vescovi e per l’intero Popolo di Dio” [20].

 

 

5. Il carattere prioritario del PMS

 

 

Per realizzare e incrementare questa cooperazione missionaria nella Chiesa, il Papa, sia di persona e mediante la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, incoraggia tutte le iniziative nate da l’impulso dello Spirito Santo e la generosità dei cristiani. Tuttavia, egli si affida in modo particolare sul PMS che “hanno in comune allo scopo di promuovere lo spirito missionario universale in mezzo al Popolo di Dio” [21], e alla quale spetta il compito primario di dare impulso alla cooperazione, l’armonizzazione sforzi missionari e garantendo un’equa distribuzione degli aiuti. “Perché sono sotto gli auspici del Papa e del Collegio dei Vescovi, queste società, anche entro i confini delle Chiese particolari, giustamente al primo posto …”.[ 22]

 

La natura, la finalità e il compito di ciascuno Società sono state confermate o definiti da Statuto speciale, approvato definitivamente dal Sommo Pontefice Giovanni Paolo II, il 26 giugno 1980, e valido per tutta la Chiesa. Questi, nelle circostanze attuali, costituire uno strumento pratico per aumentare la cooperazione missionaria nei settori specifici delle quattro società.

 

Data la loro natura e il valore, la PMS dovrebbe essere presente e operante in ogni Chiesa particolare, se di nuovo o di antica fondazione. In questo modo impegno per la cooperazione missionaria diventerà la “coscienza della Chiesa”.

 

 

6. La dipendenza del PMS dalla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e alla Conferenza Episcopale

 

 

La direzione generale del PMS è affidata dal Santo Padre alla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, che si chiama “dirigere e coordinare l’opera di evangelizzazione dei popoli e la cooperazione missionaria in tutto il mondo, tranne che per la competenza della Congregazione per Chiese Orientali “. [23] La PMS, pertanto, sono soggetti alla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, che devono guidare con attenzione, favorire il loro sviluppo e la diffusione in ogni Diocesi [24].

 

Per quanto riguarda la loro attività nei diversi territori, la guida della Società è affidata anche ai Vescovi ‘Conferenze e ai Vescovi delle singole diocesi, in conformità con lo statuto della società [25].

 

La dipendenza simultanea dalla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, in Vescovi ‘le Conferenze, e su singoli Vescovi richiede un piano organizzato a livello di lavoro. Questo dovrebbe essere effettuata in uno spirito di concreta collaborazione a diversi livelli di responsabilità, condividendo lo stesso mezzo, al fine di raggiungere un obiettivo comune.

 

Nonostante il principio di PMS ‘la dipendenza dalla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e dei vescovi, che hanno pieno diritto a una certa autonomia che è riconosciuto dall’autorità competente e indicata nello statuto. Questa autonomia si esprime in modo dinamico nella ricerca di strumenti più adeguati di cooperazione, per rispondere alle esigenze di una realtà missionaria in costante evoluzione e richiede nuove forme di intervento.

 

 

7. Il Direttore Nazionale delle POM

 

 

In ogni paese vi dovrebbe di norma essere solo un direttore nazionale per tutti i quattro Opere Missionarie, se esistono, o per tutti e quattro gli obiettivi a cui essi tendono. In alcuni casi, un amministratore può essere responsabile di molte nazioni.

 

La nomina di un Direttore nazionale cade alla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, preferibilmente dopo la presentazione di una terna di candidati da parte dei Vescovi ‘Conferenza, tramite il rappresentante pontificio.

 

L’appuntamento è per una durata cinque anni, rinnovabile di norma solo per un secondo mandato successivo.

 

8. I compiti del Direttore Nazionale delle POM

 

Il dovere fondamentale del Direttore nazionale è quello di promuovere e dirigere il PMS nel paese e di coordinare il loro funzionamento nelle singole Diocesi.

 

In tutti i doveri connessi con il suo ufficio, il direttore deve osservare fedelmente lo Statuto, la possibilità di altre norme emanate dalla Sede Apostolica, e le indicazioni particolari da Bishops ‘Conference di.

 

Tutti i Direttori Nazionali parteciperanno attivamente alle assemblee che, come previsto dallo statuto, sono convocati per loro, al fine di esaminare i problemi comuni e la pianificazione della distribuzione dei fondi, dando la dovuta attenzione alla necessità di ogni missione della Chiesa, seguendo criteri di equità, e la salvaguardia delle priorità. Essi presenteranno alle rispettive finanziarie generali e relazioni informative segretari sulle attività delle Società, secondo le indicazioni date.

 

In nessun caso Direttori Nazionali uso, per scopi particolari o di opere, le offerte dei fedeli raccolti per la missione ad gentes, sia su Mission Domenica o in altre occasioni speciali. Questo è vincolante in coscienza e indispensabile per la salvaguardia e universale la distribuzione equa degli aiuti che è garantita dal PMS, a nome del Papa e del Collegio dei Vescovi.

 

9. Il Direttore Diocesano delle POM

 

In ogni Diocesi il Vescovo affida normalmente l’unica persona la posizione di delegato episcopale per le missioni e direttore diocesano delle POM. Questa persona dovrebbe essere un membro del Consiglio presbiterale o Consiglio Pastorale. Se, per gravi motivi, il Vescovo deve scegliere due persone distinte, il Delegato Episcopale offrirà tutto il sostegno possibile per il Direttore Diocesano, in modo che la PMS può essere davvero lo strumento privilegiato di animazione missionaria e la cooperazione nella diocesi [26].

 

 

II

 

 

Le strutture delle Conferenze episcopali per la cooperazione missionaria

 

 

10. L’istituzione della Commissione Episcopale per le Missioni [27]

 

 

Dato il missionario responsabilità comune dei Vescovi, un’apposita “Commissione Episcopale per le Missioni ‘dovrebbe essere istituito entro episcopale’ Conferenza ciascuno. [28] Its compito sarà quello di favorire ad gentes evangelizzazione, animazione missionaria e cooperation nelle loro diverse forme, e per mantenere rapporti con la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e con i Vescovi ‘Conferenza, al fine di garantire l’unità d’azione. Il dinamismo e capacità di coordinamento di questa Commissione aiuta notevolmente la cooperazione missionaria in ogni paese.

 

 

11. I compiti della Commissione Episcopale per le Missioni

 

 

I compiti principali della Commissione episcopale per le missioni sono:

 

a. Per suggerire e promuovere iniziative adeguate per la formazione missionaria del clero, per il sostegno Istituti Missionari, e per lo sviluppo della coscienza missionaria nelle Chiese particolari, affinché i fedeli possano essere personalmente coinvolti in attività ad gentes e impegnarsi nel cooperazione.

 

b. Per promuovere il PMS in ogni Diocesi, assicurando la natura specifica ed efficace influenza di ciascuno secondo i propri Statuti.

 

c. Per vedere che la somma totale delle offerte raccolte sono messe a disposizione del fondo comune per le missioni managed da parte dell’Assemblea generale Segretariati delle POM, per garantire una proporzionata e un’equa distribuzione degli aiuti a tutte le Chiese giovani e per tutte le attività connesse con l’universale missione “ad gentes ‘[29].

 

d. Per proporre ai Vescovi ‘Conferenza l’importo che ogni diocesi, in proporzione al suo reddito, è tenuto a dare ogni anno per l’attività missionaria, inviandola alla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli. Questo contributo è necessario, dato che le richieste per lo sviluppo di attività missionaria sono in costante aumento, e le offerte spontanee dei fedeli sono la non sufficiente. [30]

 

e. Per vedere che tutte le iniziative di cooperazione missionaria sono promosse e armoniosamente integrate, in modo che nessuna opera a discapito degli altri, e sempre salvaguardando il carattere universale e primaria della sindrome premestruale.

 

f. Per promuovere e organizzare la collaborazione da parte degli Istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica, con esclusivamente o anche parzialmente gli obiettivi di missione. Questo potrebbe includere sia la formazione e animazione missionaria dei fedeli, e il lavoro di cooperazione, in stretta unione con la sindrome premestruale. Questi istituti e società dovrebbero inoltre avere la possibilità di cooperare per il bene delle proprie opere, entro i limiti di un giusto ordine e con rispetto per le esigenze generali della missione ad gentes, la. Il riconoscimento deve essere effettuata non solo per il loro coinvolgimento dimostrato e valida esperienza sul piano missionario [31], ma anche, in conformità con il loro spirito specifico, alla loro idoneità di proporre ai giovani una vocazione missionaria “ad vitam”, che è giustamente considerato il paradigma dell’impegno missionario della Chiesa intera. [32]

 

 

12. Il Consiglio Missionario Nazionale

 

 

Al fine di conseguire una maggiore unità e l’efficienza di lavoro in animazione e cooperazione e di evitare la concorrenza e la ripetizione, i Vescovi ‘la Conferenza dovrebbe istituire un “Consiglio Missionario Nazionale”, per la pianificazione, direzione, e rivedere le principali attività di cooperazione missionaria a livello nazionale di livello. Insieme con il Presidente della Commissione Episcopale per le Missioni, che sarà di presidente, il Consiglio dovrebbe essere costituito dai seguenti membri: il Direttore Nazionale delle POM, i segretari nazionali dei PMS e dei loro delegati; sacerdoti diocesani scelto by Commissione episcopale; delegati di istituti missionari e altri istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica di lavoro nei territori di missione, presentato dalla Conferenza Nazionale dei Superiori Maggiori, delegati delle associazioni laiche missionarie, indicato dai responsabili. Il numero e la proporzione dei membri del Consiglio Missionario Nazionale sono stabiliti dai Vescovi ‘Conferenza o dalla Commissione Episcopale per le Missioni. [33]

 

La PMS può porre prima di questo Consiglio, le questioni di interesse nazionale che ritengono importanti e che devono essere esaminate e affrontate, in un contesto di unità, da parte di tutti gli attori della cooperazione missionaria. Spetta al Consiglio di porre tali questioni stesso ai Vescovi ‘Conferenza, in modo che le decisioni possono essere prese opportune.

 

Dove ci sono anche Consigli regionali, la loro struttura e funzionamento saranno simili a quelli del Consiglio nazionale.

 

Oltre al Consiglio Missionario Nazionale, istituito con Vescovi ‘Conferenza, il PMS dovrebbe avere il proprio Consiglio Nazionale, in conformità ai propri Statuti.

 

 

III

 

Coordinamento degli organismi di cooperazione missionaria nei diversi paesi

 

 

13. Indicazioni per il coordinamento degli organismi nazionali

 

 

Al fine di garantire un buon coordinamento tra le attività della Santa Sede e dei Vescovi ‘Conferenze nel settore della cooperazione missionaria, le Commissioni Episcopali per le Missioni prenderà in considerazione le seguenti indicazioni:

 

a. In primo luogo, ricordiamo l’invito fatto dai Sommi Pontefici ai Vescovi e gli organismi coinvolti in attività missionaria ad gentes, cooperare attivamente e lealmente con la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli. La collaborazione ha il suo fondamento giuridico in dell’autorità conferitagli dal Sommo Pontefice dalla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, [34] ed è anche una conseguenza di tale comunione apostolica necessarie per la quale il Signore ha pregato nell’Ultima Cena: “Padre, siano una cosa sola in noi, come tu sei in me e io sono in te, perché il mondo creda che tu mi hai mandato “(Gv 17, 21). Sul piano pratico, il PMS dovrebbe fare riferimento ai Vescovi ‘Conferenze e ai Vescovi che sono responsabili per la cooperazione missionaria locale, così come le Conferenze ei Vescovi devono fare riferimento al PMS.

 

b. I programmi della PMS devono essere integrate nella pastorale di piani di paese. Tale integrazione sarà garantita dalle proposte congiunte formulate dalla Commissione Episcopale e dalla Conferenza Nazionale di PMS Office. L’obiettivo da raggiungere è la cooperazione missionaria ad essere realmente integrato nel contesto pastorale, e non rimane un elemento a parte [35].

 

Quanto è stato detto per la promozione missionaria in tutto il paese è anche vero per singole diocesi, dove il PMS direttore diocesano sarà essere un membro del Consiglio Diocesano Pastorale.

 

c. PMS ‘Il ruolo come strumento ufficiale della Chiesa universale deve essere riconosciuto e garantito, in quanto il documento dalla costituzione nei paesi e nelle Diocesi. In questo strumento di cooperazione, le responsabilità del Sommo Pontefice, che agisce soprattutto attraverso la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, dei Vescovi ‘Conferenza, e di ogni singolo Vescovo, sono uniti e realizzate in armonia gerarchico [36].

 

d. Per quanto riguarda l’aiuto finanziario che viene da Mission Domenica o altre raccolte o reddito di carattere missionario, si deve assicurare che ogni Diocesi inviare ai rispettivi Segretariati Generali, attraverso gli uffici nazionali, tutte le offerte spontanee dei fedeli per la sindrome premestruale; allo stesso modo ogni Diocesi dovrebbe inviare alla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli del contributo proporzionale al proprio reddito personale, in conformità con le indicazioni riportate ai Vescovi ‘Conferenza. “Il principio deve essere sempre osservato che” le offerte date dai fedeli per un fine determinato può essere utilizzato solo a tale scopo “[37].

 

e. Il Direttore Nazionale delle POM dovrebbe trovare il sostegno della Commissione Episcopale per l’esecuzione di questo servizio, che devono essere integrati e non in concorrenza con quella degli altri responsabili o coinvolti, la cooperazione missionaria.

 

f. Sarebbe utile se il presidente della Commissione episcopale sono stati invitati al meeting annuale POM nazionali. Ciò gli consentirà di seguire le loro attività più da vicino le fasi di pianificazione e di revisione.

 

g. Il Direttore Nazionale devono essere informati delle deliberazioni e delle iniziative missionarie della Commissione Episcopale. Questo lo avrebbe aiutato a svolgere il suo dovere in unità di spirito e di intenti con le direttive e le opzioni di scelta dei vescovi e della Chiesa locale. Il direttore nazionale dovrebbero essere associati con la Commissione Episcopale nella maniera più efficiente possibile.

 

 

14. Linee guida per la partecipazione delle Direttore Nazionale delle POM con la Commissione Episcopale per le Missioni

 

La necessità di una associazione tra il Direttore Nazionale e la Commissione Episcopale può trovare una soluzione positiva, non solo attraverso un atteggiamento di comunione, ma anche attraverso il modo in cui sono strutturati gli organi nazionali.

 

A questo proposito la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli promuove la comprensione completa tra i responsabili e coloro che sono impegnati in nazionale la cooperazione missionaria, lasciando alle Commissioni Episcopali e Direttori Nazionali i modi di attuare questo. In ogni caso è opportuno ricordare che:

 

a. una struttura precisa per regolare i rapporti tra la Commissione Episcopale per le Missioni e la National PMS Ufficio non può essere determinato “a priori” nello stesso modo per tutti i paesi, ma deve essere elaborato attraverso il dialogo reciproco;

 

b. una forma concreta è quella di nominare il direttore nazionale di Segretario della Commissione Episcopale per le Missioni;

 

c. altro modo si può liberamente scegliere a condizione che l’obiettivo di unità di spirito e di azione è seguita, e che la confusione tra le diverse responsabilità è evitato.

 

 

IV

 

 

Rapporti tra la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e le Conferenze episcopali di Cooperazione Missionaria

 

 

15. Suggerimenti per migliorare le relazioni

 

 

Al fine di promuovere la cooperazione missionaria, i rapporti reciproci tra la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e dei Vescovi ‘le Conferenze deve essere intensa, creativa e dinamica. Di conseguenza, qualsiasi iniziativa in contatto tra di loro è di essere lodato e incoraggiato, dato che è di per sé un sicuro incentivo per l’attività missionaria.

 

Perciò i Vescovi ‘tutte le Conferenze e ai Vescovi individuale che offriamo, in occasione delle visite “ad limina”, la possibilità di incontro con i responsabili della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, che si mettono a disposizione uno scambio di informazioni e per lavorare di programmi. Questi incontri daranno la priorità al settore della cooperazione missionaria nei suoi vari aspetti, così come quella di comunione e di scambio di carità tra le Chiese.

 

Inoltre, i Presidenti delle Commissioni Episcopali sono invitate, non solo per fare visite individuali alla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, ma anche a partecipare alle riunioni di cooperazione missionaria organizzata dalla Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli su base regolare o occasionale, sia a Roma che in altri luoghi centrali. Allo stesso modo i rappresentanti della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli dovrebbe prendere parte o continentale riunioni nazionali di cooperazione missionaria organizzata da Vescovi ‘le Conferenze. la reciproca partecipazione alle riunioni missionaria, con lo scambio di esperienze e iniziative, sarà a vantaggio della Chiesa di lavoro di evangelizzazione universale e rafforzi i vincoli di comunione e di collaborazione tra la Santa Sede e le Chiese particolari, così come tra le comunità ecclesiali se stessi, favorendo la cooperazione missionaria.

 

 

V

 

 

Forme speciali e nuove di cooperazione missionaria

 

 

16. Invio di personale per territori di missione

 

 

In Istituti missionari, le vocazioni speciali “ad vitam” si stanno rivelando importanti e valide. La particolare forma di cooperazione missionaria tra le Chiese, con la quale un certo numero di sacerdoti diocesani, chiamati “” Fidei donum, e alcuni religiosi e religiose, come pure i laici, vengono inviati a un missionario circoscrizione di collaborare in attività apostolica, anche a titolo temporaneo, è riconosciuto come valido e deve essere sempre più sviluppato. [38] Per l’attuazione di questa forma di comunione ecclesiale e la cooperazione missionaria, oltre al rispetto delle norme canoniche, [39] intesa con la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli e con il proprio ‘Conferenza episcopale si è anche raccomandato.

 

 

17. Criteri per garantire la validità di invio di personale

 

 

Per stabilizzare l’invio di personale per un territorio di missione, oltre a rispettare le condizioni di cui sopra-citati, i seguenti criteri devono essere osservati:

 

a. i sacerdoti Fidei donum, che sono un segno unico del vincolo di comunione tra le Chiese, dovrebbero essere scelti tra i candidati più idonei e deve essere debitamente preparati al peculiare lavoro che li attende. [40] Inoltre, il loro definitivo ritorno, esse vanno accolte e adeguatamente reintegrata nel presbiterio e la scena pastorale diocesano. La Diocesi dovrebbe approfittare della loro esperienza per promuovere la formazione missionaria della comunità ecclesiale.

 

b. I membri degli Istituti di vita consacrata, sia contemplativa e attiva, sono coinvolti in attività missionaria, in conformità con il loro carisma specifico, attraverso la loro consacrazione a Dio, testimoniando in modo particolare i valori evangelici, di cui la Chiesa è portatrice; questo modo di vita, seguendo l’esempio di Cristo, dà gloria a Dio e al servizio del genere umano [41].

 

c. I laici, uomini e donne, che hanno le radici della loro responsabilità missionaria nel battesimo, dovrebbero trovare il loro posto in attività missionaria, in particolare in quelle circostanze in cui essi soltanto attraverso uomini in grado di conoscere Cristo, in conformità con il loro carattere specifico e secular permette loro di cercare il Regno di Dio nel trattare le cose temporali, e orientandoli secondo i principi cristiani [42].

 

 

18. ‘Gemellaggio’ per la cooperazione missionaria

 

 

Forme di cooperazione diretta tra le Chiese, che sono sotto il termine di “gemellaggio”, hanno anche loro validità. Tuttavia, prestare attenzione a non limitare il proprio raggio d’azione a un obiettivo o isolarsi per quanto riguarda le altre iniziative generali della cooperazione missionaria, in particolare quelle del PMS, in modo da salvaguardare il principio di equità universale nella distribuzione dei fondi . Operando su questo particolare tipo di collaborazione non si deve trascurare, inoltre, a prestare attenzione al contesto ecclesiale, allo stile di vita, e al dialogo tra le autorità diocesana. La PMS Ufficio nazionale dovrebbero essere informati sulle iniziative di gemellaggio intraprese da diocesi e parrocchie.

 

19. Nuove situazioni che richiedono un intervento speciale

 

Nuovi mondi sociali e dei fenomeni, in particolare alle situazioni connesse con diffusa mobilità umana, richiedono risposte aggiornato, che si trasformano in nuove forme di cooperazione missionaria. Questi devono essere studiati e progettati con grande cura, soprattutto a livello locale. Le cose devono essere specificati, e le seguenti indicazioni, approvato dalla suprema autorità [43], dovrebbero essere attentamente seguiti:

 

a. Internazionale del Turismo, che è un fenomeno di massa, insieme alla realtà crescente delle migrazioni, esige che i cristiani si impegnano a testimoniare la fede e la carità evangelica, oltre a mostrarci un atteggiamento di rispetto per le inter-scambio culturale.

 

b. Se le visite ai territori di missione, compresi quelli per l’impresa il lavoro, con gruppi di giovani in particolare, sono a raggiungere il loro obiettivo di esperienza diretta della realtà missionaria, esse devono essere motivati in senso evangelico, preparato e accompagnato al livello spirituale e pastorale, e espressamente collegata con un mandato missionario dal Vescovo. Per la formazione missionaria, il valore di una esperienza diretta per i sacerdoti e anche per i Vescovi stessi non deve essere sottovalutata.

 

c. Per motivi di studio o di lavoro i cristiani sono guidati da giovani Chiese nei territori di antica cristianità, e cristiani di giovani e antiche Chiese, sia andare a stabilirsi in territori dove il cristianesimo è una minoranza, o poco noti, o addirittura vessati. In questi casi, i Vescovi ‘la Conferenza deve dare particolare attenzione a garantire che i fedeli non siano abbandonati a se stessi o privi di assistenza religiosa. [44] È utile, quando il fenomeno riguarda un numero considerevole, che le Chiese d’origine anche di intervenire, contatto con coloro che ricevono i loro membri.

 

d. Nei paesi di antica tradizione cristiana, molto spesso i gruppi non-cristiani sono formati che non sono facilmente visibili e quantificabili, per i quali sarà necessario prevedere, oltre ad una accoglienza e assistenza sociale, anche prima evangelizzazione. La responsabilità missionaria qui cade, in vari modi, ai Vescovi, ai parroci e ai loro collaboratori e l’intera comunità cristiana. La Commissione Episcopale per le Missioni, a contatto con il PMS, dovrebbe sentire il dovere di interessarsi a questi immigrati, avvalendosi della collaborazione di missionari ritornati dai loro paesi, così come altre persone appartenenti a quegli stessi paesi. Oltre a questi immigrati non cristiani nelle Chiese di antica tradizione cristiana, ci sono anche gli adulti locali che non sono battezzati, anche questi devono essere inclusi nel lavoro di prima evangelizzazione. Queste situazioni sono complesse, rappresentano una nuova sfida per molte Chiese, e modificare i confini sia della missione ad gentes e cooperazione missionaria.

 

 

20. La cooperazione missionaria come uno scambio di doni tra le Chiese

 

 

Tutti dovrebbero venire a rendersi conto che “hanno collaborato in attività missionaria significa non solo dare ma anche ricevere. Tutte le Chiese particolari, giovani e meno giovani, sono chiamati a dare e ricevere, nel contesto della missione universale, e nessuno dovrebbe essere chiusa al i bisogni degli altri “. [45] Dobbiamo sottolineare la necessità di essere” aperto alla Chiesa universale la e per evitare ogni forma di provincialismo, esclusivismo o sentimento di autosufficienza “. [46] Inoltre tutte le Chiese particolari, deve essere incoraggiata di “mantenere in concreto questo senso l’universalità della fede, dare e ricevere doni spirituali, esperienze di lavoro pastorale di evangelizzazione e di annuncio iniziale, nonché il personale per l’apostolato e risorse materiali” [47].

 

La Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, da parte sua, la Chiesa incoraggia questo scambio l’altro, il frutto concreto di questa comunione universale che garantisce Cristo nella Chiesa attraverso la sua presenza viva e operante. Tuttavia, la Congregazione ritiene opportuno richiamare l’attenzione su un nuovo fenomeno. Una scarsità di vocazioni in alcune chiese di antica fondazione porta questi a cercare il personale, particularly sacerdoti e le religiose, dai territori di missione, in cambio di altre forme di assistenza, in particolare finanziari. Ne consegue che, anche con le migliori intenzioni, le giovani Chiese sono quindi privi di considerevole forze apostoliche che sono indispensabili per la loro vita cristiana e per il progresso dell’evangelizzazione tra la popolazione per la maggior parte non ancora battezzati. Considerando che la comunione ecclesiale deve aumentare e non ostacolare la missione ad gentes e la crescita delle giovani Chiese, questo modo di agire deve essere limitato e ri-ordinato.

 

 

Conclusione

 

 

21. Missione ad gentes continua senza interruzione

 

 

“Dal momento che l’età apostolica, la missione della Chiesa non sia stata interrotta all’interno della intera famiglia umana …. anche in futuro la Chiesa deve continuare ad essere missionaria: missionario outreach infatti fa parte della sua stessa natura” [48]. Confortato da queste affermazioni inequivocabili del Santo Padre, Papa Giovanni Paolo II, la Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli afferma la sua valutazione completa e totale fiducia in coloro che, con una vocazione divina e il mandato della Chiesa, si dedicano con generosità alla missionarietà ad gentes , che è ancora non solo valida, ma sempre più urgente. Così incoraggia tutti coloro che sono coinvolti nelle molteplici forme di cooperazione missionaria, essendo ben consapevole dello spirito di fede, di generosità e di sacrificio che questo comporta.

 

Le norme e le linee guida contenute nella presente Istruzione sono limitate ad alcuni aspetti pratici, volti a favorire un migliore coordinamento tra le varie forze che operano al livello di cooperazione missionaria, in particolare tra i Vescovi ‘le Conferenze e la PMS. Essi sottolineano l’esperienza positiva degli ultimi anni, pur rimanendo attenti e aperti alle sfide di oggi situazioni presenti, favorendo nuove imprese e iniziative.

 

La Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli sente che ha così offerto un valido contributo al rinnovamento e rilancio della cooperazione missionaria, che è sempre un mezzo insostituibile di sostegno per l’attività missionaria ad gentes. Con fiducia quindi, si affida alla materna protezione di Maria, Stella dell’Evangelizzazione, tutti coloro che nella Chiesa che stanno lavorando in modo che l’annuncio di Cristo possa raggiungere ogni angolo della terra (cfr At 1,8).

 

Questa Istruzione è stato definito dal Cardinale Prefetto sottoscritto nell’Udienza del 10 settembre di quest’anno con il Santo Padre, che lo ha approvato e ha ordinato che venga pubblicata.

 

Roma, Ufficio della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli in occasione della festa di S. Teresa del Bambino Gesù, Patrona delle Missioni, 1 ottobre 1998.

 

 

Il Cardinale Jozef Tomko
Prefetto della Congregazione per
l’Evangelizzazione dei Popoli

 

Mons. Marcello Zago, OMI
Arcivescovo titolare di Roselle
Segretario della Congregazione per la
Evangelizzazione dei Popoli

 

 

Note di chiusura

 

 

1 Giovanni Paolo II, Esort. Const. Pastor Bonus (28 giugno 1988) Art. 87: AAS 80 (1998) p. 882, cfr. Codice di Diritto Canonico (CIC), c. 781.791.

 

2 Cfr.. Concilio Vaticano Secondo, Dog. Const. Lumen gentium, n. 23, Decreto Ad gentes, n. 38, Decreto Christus Dominus, n. 6.

 

3 Cfr.. S. Cong. De Propaganda Fide, Instr. Aptius Quo (24 febbraio 1969): AAS 61 (1969), pagine 276-281.

 

4 Cfr.. CIC cs. 781, 782, 791.

 

5 Cfr.. Giovanni Paolo II, Enc. Lettera Redemptoris missio (7 dicembre 1990) nn. 77-86: AAS 83 (1991) pagine 324-333.

 

6 Ibid., N. 86: AAS 83 (1991), p. 333.

 

7 del Vaticano II decreto Ad gentes, n. 2.

 

8 Cfr.. Vaticano II, Dog. Const. Lumen gentium, nn. 1, 45: Decreto Ad gentes, n. 5. Cf. Paolo VI, Esort. Exort. Evangelii nuntiandi (8 dicembre 1975), n. 15: AAS 68 (1976), pp. 13-15, cfr. Giovanni Paolo II, Encycl. Lett.. Redemptoris Missio (7 dicembre 1990), nn. 9-10: AAS 83 (1991), pp. 257-259.

 

9 Cfr. Vaticano II, Decreto Ad gentes, n. 6; Giovanni Paolo II, Encycl. Lettera Redemptoris missio (7 dicembre 1990), n. 34: AAS 83 (1991) p. 279-280, cfr. anche: ivi, n. 20: AAS 83 (1991), pp. 267-268.

 

10 Cfr.. ibid., n. 1: AAS 83 (1991), pp. 249-250.

 

11 Cfr.. ibid., nn. 31-35; AAS 83 (1991), pp. 276-281

 

12 Cfr.. ibid., n. 11: AAS 83 (1991), pp. 259-260, CIC, c. 791, 1.

 

13 Cf.. ibid., nn. 77-86: AAS 83 (1991), pp. 324-333, CIC, can. 781.

 

14 cfr. CIC, cann. 781.

 

15 cfr. Giovanni Paolo II, Enc. lettera Redemptoris missio (7 dicembre 1990), n. 77: AAS 83 (1991), pp. 324-325, cfr. anche: ivi, n. 90: AAS 83 (1991), pp. 336-337.

 

16 cfr. ibid., n. 75: AAS 83 (1991), pp. 322-323.

 

17 Cfr.. Vaticano II, Decreto Ad gentes, n. 29; Giovanni Paolo II, Ap. Const. Pastor Bonus (28 giugno 1988), art. 85: AAS 80 (1988), p. 881.

 

18 Vaticano II, Decreto Ad gentes, n. 28, Giovanni Paolo II, Enc. Lettera Redemptoris missio (7 dicembre 1990), n. 75: AAS 83 (1991), pp. 322-323.

 

19 Giovanni Paolo II, Ap. Const. Pastor Bonus (28 giugno 1988), art. 91: AAS 80 (1988), p. 883.

 

20 Paolo VI, Messaggio per la Giornata Missionaria Mondiale Domenica 1968 (2 giugno 1968): AAS 60 (1968), p. 401, cfr. anche Paolo VI, Messaggio per la Giornata Missionaria Mondiale 1976 Domenica (14 aprile 1976): Enchiridion delta Chiesa Missionaria, II, p. 240.

 

21 Giovanni Paolo II, Enc. Lettera Redemptoris missio (7 dicembre 1990), n. 84: AAS 83 (1991), pp. 330-331.

 

22 Ibid. Cfr. Vaticano II, Decreto Ad gentes, n. 38.

 

23 Giovanni Paolo II, Ap. Const. Pastor Bonus (28 giugno 1988), art. 85: AAS 80 (1988), p. 881.

 

24 Ibid., Art. 91: AAS 80 (1988), p. 883.

 

25 Giovanni Paolo II, Enc. Lettera Redemptoris missio (7 dicembre 1990), n. 84: AAS 83 (1991), pp. 330-331.

 

26 Cfr.. CIC, c. 791 2.

 

27 Cfr.. ibid., c. 782.

 

28 Vaticano II, Decreto Ad gentes, n. 38; Paolo VI, Esort. Lettera Ecclesiae sanctae (6 agosto 1966), III, art. 9: AAS 58 (1966), p. 784.

 

29 Cfr.. Pio XI, Motu Proprio Romanorum Ponficium (3 maggio 1922) n. IX: AAS 14 (1922), p. 327; Paolo VI, Lettera Ap. Ecclesiae sanctae (6 agosto 1966), III, art. 7: AAS 58 (1966), p. 784.

 

30 cfr. CIC, c. 791 4; PAOLO VI, Esort. Lettera Ecclesiae sanctae (6 agosto 1966), III, art. 8: AAS 58 (1966), p. 784; Vaticano II, Decreto Ad gentes, n. 38.

 

31 cfr. Vaticano II, Decreto Ad gentes, n. 27.

 

32 Cfr.. Giovanni Paolo II, Enc. Lettera Redemptoris missio (7 dicembre 1990), n. 66: AAS 83 (1991), pp. 314-315.

 

33 Paolo VI, Lettera Ap. Ecclesiae sanctae (6 agosto 1966), III, art. 11: AAS 58 (1966), p. 784.

 

34 Cfr. Giovanni Paolo II, Ap. Const. Pastor Bonus (28 giugno 1988), art. 85-92: AAS 80 (1988), p. 881-883.

 

35 cfr. Giovanni Paolo II, Enc. Lettera Redemptoris missio (7 dicembre 1990), n. 83: AAS 83 (1991), pp. 329-330.

 

36 cfr. CIC, cann. 782, 791.

 

37 cfr. ibid., canone 1267 § 3, cfr. c. 791 § 4.

 

38 cfr. Vaticano II, Decreto Ad gentes, n. 38 e 41, decreto Christus Dominus, 6; Giovanni Paolo II, Enc. Lettera Redemptoris missio (7 dicembre 1990), n. 68 e 85: AAS 83 (1991), pp. 316,331-332.

 

39 Cfr. CIC, cann. 271, 790.

 

40 cfr. Giovanni Paolo II, Enc. Lettera Redemptoris missio (7 dicembre 1990), n. 68: AAS 83 (1991), pp. 316.

 

41 Cfr. CIC, cann. 574 § 2, 676, 783; Giovanni Paolo II, Enc. Lettera (7 dicembre 1990), n. 69: AAS 83 (1991), pp. 317-318.

 

42 cfr. CIC, c. 225.

 

43 Giovanni Paolo II, Enc. Lettera Redemptoris missio (7 dicembre 1990), nn. 37, 82: AAS 83 (1991), pp. 282-286, 328-329.

 

44 cfr. CIC, c. 792.

 

45 Giovanni Paolo II, Enc. Lettera Redemptoris missio (7 dicembre 1990), n. 85: AAS 83 (1991), pp. 331-332.

 

46 Ibid.

 

47 Ibid.

 

48 Giovanni Paolo II, Esort. Lettera Tertio millennio adveniente (10 novembre 1994), n. 57; AAS 87 (1995), p. 39-40.